• Mar. Ago 9th, 2022

IdeaPlus TV

Canale 112 Toscana Telefono_0578 776496 redazione@ideaplustv.com

Il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano punta alla sostenibilità

sostenibilità

Dopo un 2021 che ha fatto segnare una crescita record delle vendite, il
Consorzio Vino Nobile di Montepulciano ha deciso di rafforzare il proprio impegno verso uno sviluppo
sostenibile, affidando a Valoritalia l’incarico di certificare con il protocollo “Equalitas” la sostenibilità delle
denominazioni tutelate.

Una scelta arrivata al termine di un percorso iniziato oramai da alcuni anni, che ha previsto la partecipazione
attiva di buona parte delle aziende socie e consentito di maturare e condividere una decisione che avrà un
forte impatto sullo sviluppo futuro del territorio.
L’iter di certificazione dovrebbe concludersi al più tardi entro il primo semestre 2022 e consentirà alle
denominazioni Nobile di Montepulciano, Rosso di Montepulciano e Vinsanto di Montepulciano, di diventare le prime denominazioni sostenibili italiane.

«L’obiettivo che ci siamo posti – dichiara Andrea Rossi, presidente del Consorzio – è ambizioso quanto
decisivo sul piano strategico, poiché significa modificare progressivamente il profilo produttivo e
organizzativo delle imprese che aderiscono a questo progetto, che poi sono la quasi totalità di quelle che
aderiscono al Consorzio. Da un lato, infatti, stiamo introducendo metodi e tecniche di produzione più
rispettosi dell’ambiente e del paesaggio; dall’altro siamo impegnati, e lo saremo sempre più in futuro, a
garantire un elevato standard di valori etici, sociali ed economici, che rafforzeranno la coesione tra le nostre imprese e tra queste e il territorio. Quando parliamo di sostenibilità dobbiamo tener presente che
quest’ultima è costituita sia dalla dimensione ambientale, sia dalla dimensione economica e etico-sociale; il
rispetto dei valori e dei diritti collettivi gioca quindi un ruolo centrale in questo processo.»

«La scelta del Consorzio di affidare a Valoritalia l’incarico di certificare le proprie denominazioni – dichiara Francesco Liantonio, presidente di Valoritalia – costituisce per noi un grande attestato di fiducia. Sin dall’inizio abbiamo creduto nello standard Equalitas e da anni investiamo nella formazione di nostri
collaboratori, giovani, specializzati e molto preparati, e nella promozione di un protocollo che sta riscuotendo un grande successo tra imprese e organismi internazionali. Nobile, Rosso e Vinsanto di Montepulciano saranno le prime denominazioni italiane a essere certificate, ma sono sicuro che a breve altri consorzi decideranno di seguire la stessa strada.»

Potrebbe interessarti anche – Montepulciano riceve la Bandiera Azzurra dall’olimpionico Maurizio Damilano

Il rilancio verso l’obiettivo della sostenibilità avviene in un momento di grande euforia per il Consorzio che nel 2021 ha visto crescere del 30% le vendite del vino Nobile per un ammontare complessivo pari a oltre 6,7 milioni di bottiglie. A queste si devono aggiungere 2,7 milioni di bottiglie di Rosso di Montepulciano e le circa 30 mila di Vinsanto, che portano il totale dei volumi delle tre denominazioni che fanno capo al Consorzio a oltre 9 milioni di bottiglie. Un livello che non si vedeva da tempo e che fa ben sperare per l’anno in corso. Lo standard Equalitas (www.equalitas.it), elaborato dall’omonima società italiana controllata da Federdoc, consente la certificazione di sostenibilità dell’Organizzazione, ovvero della singola impresa vitivinicola, dei prodotti vitivinicoli e delle Denominazioni di Origine. Lo standard è studiato espressamente per il settore vitivinicolo ed è certamente il più avanzato e completo a livello internazionale, l’unico a prevedere anche la certificazione delle denominazioni di origine. Equalitas è un protocollo molto impegnativo che implica il rispetto di un numero elevato di requisiti ambientali, come la misurazione dell’impronta carbonica e dell’impronta idrica, e socio economici, come la verifica del rispetto delle libertà sindacali e delle pari opportunità. Inoltre, Equalitas prevede anche il raggiungimento di obiettivi progressivi e la stesura di un bilancio di sostenibilità nel quale presentare e comunicare i risultati ottenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.